Non solo terra del welfare state, della socialdemocrazia e dell'impresa ispirata a modelli etici, da qualche anno la Svezia è anche il motore dell'innovazione del mercato musicale. Tutto merito dello streaming.

Negli ultimi anni l'industria musicale svedese ha conosciuto una crescita senza precedenti: dal minimo storico di 145 milioni di dollari nel 2008, i ricavi sono cresciuti a 195 milioni di dollari nel 2013. Parallelamente la quota del digitale sul totale del fatturato è passata dall'8% al 70%, quasi tutto sostenuto dai servizi in abbonamento.

La svolta risale al 2009, quando per l'effetto combinato del processo contro The Pirate Bay e dell'introduzione di nuove norme antipirateria molti consumatori si sono convertiti allo streaming legale di Spotify.

Secondo ricerche di mercato, tra gli utenti di Spotify abbonati al servizio premium nove su dieci sostengono di scaricare musica illegalmente meno di prima; lo stesso dicono sette utenti su dieci della versione free.

La diffusione dello streaming ha cambiato molte delle dinamiche consolidate del mercato discografico. Gli artisti beneficiano di un flusso pressoché costante di ricavi; viene attirato un pubblico mediamente più giovane, con grande vantaggio per gli artisti hip hop o di electronic dance music (il mercato dell'elettronica è per il 98% digitale); viene favorita la scoperta di nuova musica.

Come effetto di questa rivoluzione della discografia nella patria di Spotify, la filiale svedese dell'Ifpi ha modificato le classifiche in modo da includervi anche lo streaming, conteggiandolo anche nelle certificazioni dei dischi d'oro e di platino. Gli sviluppi del mercato discografico svedese sono dunque incoraggianti e rappresentano un nuovo modello economico sostenibile ed esportabile in Paesi come il nostro, dove l'utilizzo dello streaming è già molto elevato.

Informazioni sull'autore
Federico Durante
Author:Federico Durante
Caporedattore
Chi sono:
Giornalista di giorno, musicista di notte. In Cluster ho studiato chitarra elettrica, basso elettrico e batteria. Successivamente mi sono avvicinato da autodidatta allo studio del contrabbasso e del violoncello. I miei gusti musicali sono orientati a 360° da Liszt ad Apparat.