Li avevamo dati per sciolti, dopo l'abbandono di Roger Waters, la morte di Richard Wright e le definitive smentite di reunion da parte di David Gilmour. In effetti i Pink Floyd sono di fatto sciolti ma questo non gli impedisce di far uscire dischi. Qualcuno di loro ha forse il mutuo da pagare?

Non sta a noi giudicare ma di certo il 2014 è un anno di risveglio per la band prog rock britannica, per la felicità di tutti i loro fan, me compreso.

Sono passati ormai 20 anni dal loro ultimo disco in studio The Division Bell e non si sono fatti sfuggire l'occasione di pubblicare una ristampa commemorativa dell'album con sei dischi, stampe fotografiche da collezione, un blu-ray e una versione 5.1. Inoltre sul loro canale YouTube sono comparsi i video di Marooned, High Hopes e Money, quest'ultimo gettonatissimo fra i miei allievi del corso di chitarra che si sostengono l'esame di chitarra pop-rock del Trinity.

Poi a settembre debutterà a Milano presso la Fabbrica Del Vapore la mostra The Pink Floyd Exhibition, di cui parleremo nel dettaglio prossimamente.

Infine a luglio è stato annunciato anche un nuovo album in lavorazione in autunno, The Endless River, che contiene materiale strumentale del '93/'94 relativo alle sessioni di registrazione di The Division Bell che vede protagonisti David Gilmour, Nick Mason e Richard Wright.

Tutto nel 2014, non sarà troppo?

This page require Adobe Flash 9.0 (or higher) plug in.

Informazioni sull'autore
Emanuele Bazzotti
Author:Emanuele Bazzotti
Redattore
Chi sono:
Redattore ClusterNote