Come si fa a rendere le proprie registrazioni reali, simili a come ascoltano le nostre orecchie? È una cosa difficile da realizzare, perché il nostro modo di percepire i suoni dipende da molti fattori. Principalmente tre.

Il primo: abbiamo due orecchie e percepire diversamente a destra o a sinistra ci aiuta posizionare nello spazio le diverse fonti sonore. Il secondo: abbiamo il corpo che assorbe vibrazioni. Quando andiamo a un concerto o in discoteca, ci piace sentire i rumori ad alto volume attraverso il terreno o il petto. Il terzo: le frequenze si modificano se la fonte sonora è in movimento, il cosiddetto effetto Doppler... avete presente un'ambulanza che si avvicina e si allontana?

Una tecnica di registrazione che dà buoni risultati, basandosi solamente sul canale destro/sinistro è quella di utilizzare una Dummy Head, una testa di manichino in cui sono posizionati al posto delle orecchie due microfoni panoramici.

In questo modo, quello che "sente" il manichino viene ripreso dai microfoni panoramici. Il nostro cervello, ascoltando i segnali dei due microfoni, ricostruisce la posizione spaziale della fonte sonora, con risultati molto interessanti. Consiglio: mettetevi le cuffie (rispettando la destra e la sinistra) e ascoltate.


This page require Adobe Flash 9.0 (or higher) plug in.

Informazioni sull'autore
Emanuele Bazzotti
Author:Emanuele Bazzotti
Redattore
Chi sono:
Redattore ClusterNote