Su YouTube si descrive come “un ragazzo italiano che vuole condividere la sua passione per la musica”. Ma Davide Biale, in arte Davie, è un vero e proprio fenomeno social capace di macinare numeri da capogiro.

Ventunenne, ligure (della provincia di Savona, per l'esattezza), alle spalle un diploma da perito elettronico e ad oggi protagonista di uno dei canali YouTube dedicati al basso elettrico più seguiti in assoluto.

Nati come un hobby, i suoi video home made sono diventati presto una delle rivelazioni di YouTube: 30 milioni di visualizzazioni complessive e 200mila iscritti al canale. Tanto per fare un paragone, il canale ufficiale di Vasco Rossi si ferma a 80mila.

Per Davie la musica non è solo una passione, ma – grazie alla partnership con YouTube – un vero e proprio lavoro a tempo pieno. Ci siamo fatti spiegare da lui stesso i segreti del mestiere.

 

Sei completamente autodidatta, giusto? Come e quando hai cominciato a suonare il basso? Cosa ti ha spinto?

Ho iniziato a suonare il basso nel 2009, dopo aver visto il video di un concerto dei Kiss. Il bassista, Gene Simmons, mi colpì molto e mi fece scoprire questo strumento. Ho iniziato prendendo qualche lezione, principalmente per imparare la giusta impostazione della mano e qualcosina di teoria musicale, ma per quanto riguarda le varie tecniche ho imparato tutto da solo, da autodidatta.

 

Ci sono alcuni bassisti in particolare che pensi abbiano influenzato maggiormente il tuo stile Se sì, quali?

Il primo bassista in cui mi sono “imbattuto” è stato appunto Gene Simmons dei Kiss. Successivamente ho scoperto Flea, Marcus Miller, Mark King, Victor Wooten, Larry Graham e molti altri.

 

Ancora oggi non c'è molta conoscenza del basso elettrico come strumento (della serie: “bella la tua chitarra!”). Secondo te, invece, cos'ha il basso di speciale rispetto agli altri strumenti?

Troppe persone pensano che il basso non sia uno strumento importante, ma si sbagliano alla grande! Quello che cerco di dimostrare con i miei video è che il basso è uno degli strumenti più completi in circolazione: puoi suonare parti ritmiche (usando la tecnica dello slap), puoi suonare gli accordi, puoi fare assoli melodici ed è, soprattutto, l’anima di ogni canzone.

 

Qual è la tua strumentazione?

Bassi: Fender Jazz Bass Classic 60’ Series made in Mexico, Fleabass, Chowny CHB-1

Chitarre: una elettrica Roytek e una acustica Gretsch

Synth: Korg Microkorg Syntesizer/Vocoder

Ampli: GK MB115, Hartke A35

Pedali: MXR Bass compressor & Aguilar Tone Hamme (quelli che uso più spesso)

Scheda Audio: Motu Audio Express

Computer: Macbook Pro 13’

Software: Pro Tools 10, Final Cut

 

In che modo registri i tuoi brani? Anche le backing track sono interamente realizzate da te?

Inizio col suonare un po’ a caso fino a quando non trovo qualcosa che potrebbe andare bene. Dopodiché creo una base molto semplice e inizio a registrare il pezzo con una scheda audio esterna. Successivamente completo la backing track aggiungendo percussioni, piano e altri strumenti e poi passo alla fase di mixing / mastering. Realizzo tutto!

 

In media un video alla settimana e molta interazione con gli utenti: quanto tempo dedichi in media a YouTube?

Dedico a YouTube praticamente tutto il tempo che ho, ormai è come un lavoro a tempo pieno e la cosa mi piace molto!

 

Te ne viene qualcosa in tasca? Hai la partnership con YouTube?

Si, ho la partnership con un network di YouTube (Divimove).

 

Ti è capitato che ti arrivassero proposte di lavoro tramite YouTube?

Ho collaborato un paio di volte con qualche azienda del settore musicale, ma solo per qualche video, niente di duraturo.

 

Hai mai pensato alle cinque corde?

Sì, mi intrigano molto, penso proprio che prenderò un basso a cinque corde non appena ne avrò l'occasione!

 

I tuoi video sono la dimostrazione che la musica può vivere anche in una dimensione “social”. Qualche consiglio fondamentale da tenere a mente per realizzare dei video efficaci come i tuoi?

Per realizzare video efficaci – di qualsiasi tipo essi siano – è molto importante la qualità audio, che deve essere molto alta, poi se si vuole registrare il basso elettrico è ancora più importante. Anche la qualità video deve essere molto buona, ovviamente.

Un altro consiglio che posso dare, se si vogliono creare video musicali, è quello di farli non troppo lunghi, di 1-2 minuti, in modo tale da mantenere l’attenzione dell’ascoltatore sempre abbastanza alta in ogni video.

 

Vorresti che la musica diventasse il tuo mestiere?

Lo è già e lo sarà per sempre!

 

Hai idee o progetti particolari per il futuro?

A breve mi trasferirò a Londra per studiare produzione musicale e ingegneria del suono, ma continuerò sempre a pubblicare video su YouTube!

 

 

 

Dopo aver letto questo articolo ti è venuta voglia di tuffarti nel groovoso mondo delle frequenze basse? Scopri i nostri corsi di basso

Informazioni sull'autore
Federico Durante
Author:Federico Durante
Caporedattore
Chi sono:
Giornalista di giorno, musicista di notte. In Cluster ho studiato chitarra elettrica, basso elettrico e batteria. Successivamente mi sono avvicinato da autodidatta allo studio del contrabbasso e del violoncello. I miei gusti musicali sono orientati a 360° da Liszt ad Apparat.